Littoria – Olim Palus

Una pausa pranzo di una calda primavera. Come sanno esserlo le primavere a Latina. La luce non è delle migliori per fare fotografie ma qualcosa uscirà fuori. La città è deserta e mi ritrova a vagabondare per luoghi stranamente nuovi, mai visti prima d’ora. Eppure a Latina io ci abito da una vita.

Strana cosa l’occhio digitale della macchina fotografica. Ti consente di vedere le cose diversamente. Questo codice binario che ti permette di prendere porzioni di realtà. Una realtà che rimane indelebilmente scritta nella tua memoria.

Ogni scatto, un frammento di memoria. Forse ci aiuta, addirittura, a capire di più.

O forse no. Ci dissocia.

3 risposte a “Littoria – Olim Palus”

  1. Fantastiche! Veramente. Tanti complimenti.
    Mi piace la geometria e il bilanciamento dei chiaro-scuri.

  2. pierpaolo ha detto:

    giri su internet…ti imbatti in un blog di un fotoviaggiatore, vedi le sue splendide foto in giro per il mondo e…scopri che vive nella tua stessa città! questa cosa è fantastica 😉
    complimenti Antonio, le tue foto sono meravigliose, ci unisce la passione per lo scatto e quella dei viaggi…bene, bene!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...