Un’altro bel giro in moto con il nostro moto-club “I Compassi” ci porta in provincia di Viterbo. E dove saremmo potuti andare, noi architetti motociclisti, se non a deliziare la vista con le opere d’arte che solo in italia possiamo avere in così grande concentrazione?

Palazzo Farnese di Caprarola sorge su una collina alle falde dei Monti Cimini, in posizione dominante rispetto all’abitato ed all’ampia distesa dei territori che lo separano da Roma.L’enorme mole dell’edificio, il suo rapporto con il paesaggio e con il borgo ne fanno immediatamente il segno tangibile del potere di una famiglia che è annoverata tra i protagonisti della storia del sedicesimo secolo.Le forme con cui si presenta non permettono di inquadrarlo immediatamente in una tipologia definita. Ora fortezza, ora palazzo, ora villa suburbana, è il risultato della stratificazione di due fasi costruttive distinte. L’edificio fu iniziato negli anni Venti del Cinquecento per volere del cardinale Alessandro Farnese, esponente di spicco di una famiglia che all’epoca controllava l’intera sponda occidentale del lago di Bolsena e futuro papa Paolo III. Spinto da mire espansionistiche, questi aveva acquistato nel 1504 i diritti sulla terra di Caprarola e, dopo averne fatto investire i figli nel 1521, aveva deciso di edificarvi una fortezza.

image
image
image
image
image
image
image
image
image
image
image
image
image
image
image
image
image
image
image
image
image
image

Foto di A. D’Onofrio con Samsung Galaxy Note

Annunci