Un Paese magico e selvaggio, regno degli ultimi gorilla di montagna

Wen wir beobachten, wenn wir beobachten di Christian Maier (amarok)

Un viaggio in Uganda è un’esperienza che va aldilà della mera vacanza. Incastonato nel cuore dell’Africa, questo paese gioiello è disteso a ridosso del grande Lago Vittoria a sud, dei laghi Alberto ed Edoardo ad ovest, divisi dall’impressionante massiccio montuoso del Ruwenzori solcato a nord dal Grande Nilo Bianco che dà luogo alle splendide Cascate Murchison.

auf dem heimweg (reload) di Reto Boltshauser

L’Uganda è il paradiso della biodiversità: il sistema dei 10 parchi nazionali e delle altre aree protette è un’opportunità elettrizzante per sperimentare una natura unica e incontaminata: non solo le stupefacenti savane coperte da cespugli spinosi e densamente popolate da antilopi, bufali ed elefanti, ma anche distese lussureggianti di foresta tropicale, laghi risplendenti, fiumi pieni di animali acquatici e le cime glaciali della catena montuosa più alta dell’Africa. Per chi viaggia in Uganda, questo paese rimane però nell’immaginario collettivo come il paese dove si possono vedere gli ultimi gorilla di montagna.

Ruhondeza di Wolfgang Granabetter

Il Parco Nazionale Bwindi Impenatrable Forest, dichiarato parco nazionale nel 1991, si trova in una delle zone più ricche di flora e fauna dell’intero continente africano. Un tempo conosciuto come “Foresta Impenetrabile”, copre un’area di 331 kmq e regala l’emozione unica di un safari a piedi guidati da rangers alla ricerca dei rarissimi gorilla di montagna. Anche il Kibale National Parkospita diverse varietà di primati, fra cui colobi rossi e bianchi e gli immancabili babbuini. Il parco è però famoso soprattutto per la sua notevolissima popolazione di scimpanzé e di elefanti di foresta. Il Queen Elizabeth National Park, 1.970 kmq di savana, foreste e laghi craterici, occupa la sponda ugandese del lago Edoardo, quella orientale del lago Giorgio e il canale Kaziga che unisce i due specchi d’acqua. È il sesto parco nel mondo per la varietà di uccelli (558 specie), ma ricco di mille altre specie di animali.

Savanne di Christian Maier (amarok)

Perché andare in Uganda

  • Per le cascate Murchinson, le più suggestive di questa parte d’Africa
  • Per vedere i gorilla di montagna: un’esperienza emozionante per incontrare questi impressionanti mammiferi che ci parlano delle nostre origini
  • Per i parchi nazionali: Bwindi, Kibale e Queen Elizabeth, fra i più belli ed estesi dell’intera Africa
  • Per ammirare la meravigliosa fauna africana nel suo habitat incontaminato: ippopotami, leoni, gazzelle, impala e molto altro
,,, di Jan Rillich

Vi ricordo che è in programma il seguente viaggio:

Uganda: la valle dell’Eden – dal 28/12/2011 al 10/1/2012– Viaggio fotografico

Per maggiori info:

.
.
.
.
Annunci